Mestieranti

Visto che le analogie con Lele non sono mai abbastanza, anch’io meditavo da giorni di scrivere un post “politico”, fuori tema dai contenuti di questo blog. Che ci incastra scrivere di queste cose nel blog che parla della mia fagiola? Non lo so, ma questo spazio è mio, almeno qui posso dire e fare quello che mi pare.


Qualche tempo fa, dopo una partita di calcetto, con i miei compagni ci prendevamo in giro definendoci “mestieranti del calcio”. Con questo termine, in tono velatamente spregiativo, intendevamo dire che siamo senza talento, capaci soltanto di fare la nostra particina nella partita, fare da gregari a chi ha “i numeri” .

Così ho pensato a questo termine, “mestieranti”. Non so se l’accezione a cui faccio riferimento io sia quella corretta: ho sempre pensato ai “mestieranti” come persone che fanno il loro lavoro, punto e basta. Non ci mettono molto di più, fanno quello che devono fare.

Ecco, di questi tempi, secondo me, c’è un forte bisogno di mestieranti. Gente che fa il proprio mestiere, punto e basta. Gente possibilmente non improvvisata, che il suo mestiere, magari senza talento e senza doti sopraffine, lo sa comunque fare. Sempre meglio di chi sa vendersi molto bene, ma poi non fa il proprio dovere o, peggio, fa i propri interessi.

Ecco, per venire alla politica: i “politici di professione”. Una volta era un termine spregiativo; si pensava che uno che di professione volesse fare il politico fosse uno che non ha abbastanza voglia di lavorare. E invece no: io adesso vorrei politici di professione, mestieranti: gente che studia, si applica, e si dedica a fare il politico.

Non un grande statista: voglio qualcuno che, tutte le mattine, si alzi da letto come faccio io, magari imprecando perchè non ne ha voglia, ma poi vada a fare il suo lavoro: il politico. Che lo faccia onestamente, che faccia quello che deve fare. Niente di meno, e soprattutto niente di più.  Che faccia quello che il suo datore di lavoro (che sono io, insieme a tutti gli altri cittadini) vuole che faccia. Se non ti sta bene, se quello che devi fare non ti piace o non ti gratifica abbastanza, economicamente o umanamente, grazie lo stesso. Fatti da parte, cercati un altro lavoro; avanti un altro, amici come prima.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in politics. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Mestieranti

  1. Lele ha detto:

    I politici veri sono finiti tanti anni fa ormai. Dai capi maestosi di partito burattinai, fino ai piccoli politici di paese burattini. Si salvano quei pochi senza gloria che hanno le ideologie ma non hanno partito, che peró non hanno la giusta forza, la spinta per emergere. Alcune liste civiche che non appoggiano alcun partito potrebbero essere l’unica soluzione, ma queste non vinceranno mai perchè all’elettorato non promettono nulla e l’italiano è un “dare per ricevere”. Per le analogie ci dobbiamo incontrare per forza. 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...