certezze che crollano….

Forse l’ho già detto: aspettare un bimbo o una bimba vuol dire fare progetti per nove mesi, immaginarsi come sarà e come saremo, e come ci comporteremo nelle varie occasioni…

E poi la fagiola arriva, e niente è come ti eri immaginato.

Hai sempre saputo che la avresti amata, ma guardarla sorridere e avere le lacrime agli occhi per la gioia è un’altra cosa.

Hai sempre pensato che saresti stato un educatore amorevole ma inflessibile. Metodi educativi certificati, imparati sui libri: se la bimba piange o fa i capricci, si lascia piangere, altrimenti la vizi. Deve imparare a dormire da sola, nel suo letto.

Poi una sera la metti a letto, e lei piange. E ti ricordi di tutto quello che hai letto e di tutti i buoni propositi, quindi la baci amorevolmente e esci dalla stanza lasciandola strillare, e ti riprometti di lasciarla da sola almeno dieci minuti prima di andare a consolarla.

Quindici secondi dopo, con la bimba in braccio e il cuore spezzato, fai un altro buon proposito: domani faccio un falò, almeno tutti quei libri saranno serviti a qualcosa…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Varie. Contrassegna il permalink.

3 risposte a certezze che crollano….

  1. Federica ha detto:

    quanto è vero… e che mazzata per il mio razionalissimo (così credevo) ego… ogni tanto mi chiedo se la notte in cui ho partorito la fagio gli alieni non mi abbiano rapita trasformando l’inflessibile mamma-educatrice che ero in gravidanza nell’attuale mamma-budino-amoredellamammanonpiangere 🙂
    e ora che ha imparato a dire mmmaa mmmma con tanto di faccia larga, la situazione non può che precipitare… evvabbè. il (malvagio) Estivill non me ne vorrà.

  2. Lelelandia ha detto:

    Io non c’ho mai pensato a leggere e fare quello che era scritto sui libri. Ho comprato anche io “i primi tre anni” “l’importanza dei primi tre anni” e che cazzo, tutto nei primi tre anni?? L’istinto materno credo che non si possa mettere per iscritto e l’amore di un padre non possa essere letto. Quando Leo piange io “devo” essere vicino a lui, ma non per consolarlo, ma perchè lui consolerà me facendomi capire che è tutto ok. Se ti serve altra carta per il faló fammelo sapere. 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...